Bonus facciate, general contractor e decreto anti-frodi

Bonus facciate, general contractor e decreto anti-frodi

Il general contractor rappresenta il capofila di un pool di professionalità e competenze, in grado di coprire ogni esigenza delle collettività condominiali, offrendo anche prestazioni iniziali gratuite.

Di conseguenza i condomini tendono a rivolgersi a tali soggetti, con conseguente possibilità non solo di ottimizzare tempi e costi, ma anche di semplificare notevolmente il processo decisionale necessario per conseguire i bonus fiscali.

In ambito privato, però, non esiste una vera e propria disciplina dedicata e occorre quindi fare riferimento alle norme del codice civile e a quelle che in genere regolano gli appalti privati.

Normalmente il contraente generale propone ai condomini il classico pacchetto che prevede l’esecuzione dei lavori ma anche tutti i servizi professionali associati all’opera stessa e necessari per l’ottenimento delle detrazioni fiscali; in altre parole, si occupa dell’intero processo di realizzazione delle opere potendo contare su competenze diverse, multidisciplinari, quindi non solo quelle tecniche legate all’esecuzione dei lavori ma anche quelle di carattere commerciale o economico-finanziario.

Nel contratto, quindi, viene precisato che per specifiche prestazioni tecnico-specialistiche necessarie e/o complementari allo svolgimento dell’incarico stesso, potrà avvalersi di altri professionisti specializzati, ritenendosi delegato dal condominio nei cui confronti si assume la responsabilità diretta.

Fonte: https://www.condominioweb.com/bonus-facciate-general-contractor-e-decreto-antifrodi.18623